Palladio, la città, il ponte. Un excursus culturale, un contributo scientifico

Maggio 2018 - Anche Bassano, come altre città venete, ha saputo cogliere l'insegnamento di Palladio. Una lezione che si è materializzata imprimendo al contesto urbano forme e contenuti di qualità, all'insegna di un linguaggio bilanciato fra requisiti formali e funzionali. Passeggiando per il centro tale identità risulta evidente: una grammatica scandita secondo ritmi musicali, così ben calibrati da risultare familiari. Un disegno che si è concretizzato con continuità, percepito con senso di appartenenza. Ecco, è proprio di questo spirito palladiano, del quale è pervaso il carattere della città, che ci occupiamo in questo speciale. Una monografia, curata da Natasha Pulitzer e introdotta da Giandomenico Cortese, che porta i contributi di Sergio Los, architetto e già docente all'IUAV di Venezia, e di Francesco Zaupa, ingegnere ed ex docente a Ingegneria a Padova; unitamente a quelli del sindaco Riccardo Poletto e del presidente nazionale di Italia Nostra Oreste Rutigliano. Dopo una lettura della città, secondo un'indagine che richiama la lezione palladiana, Los e Zaupa focalizzano il discorso sul Ponte. Attraverso la loro analisi abbiamo l'occasione di comprendere la bontà del progetto del grande architetto e l'attualità delle soluzioni adottate oltre 400 anni fa. Questa monografia, oltre a configurarsi per l'importanza scientifica e divulgativa, desidera offrire un contributo tecnico e culturale: una proposta progettuale, fra le tante, elaborata sulla scorta delle competenze degli autori e, a detta di alcuni esperti, compatibile con quanto sta avvenendo oggi.

LEGGI IL NUMERO